Google Privacy Policy: novità per il remarketing cross-device

Domenica 25 settembre 2016 Brad Bender, vice Presidente di Google, ha annunciato che l'attivazione dell'opzione di retargeting sugli utenti google anche in modalità "cross-device" - ovvero: una persona che aveva raggiunto il sito di un inserzionista attraverso un computer desktop poteva finalmente essere reindirizzato verso lo stesso sito anche sul suo dispositivo mobile. Si trattava di un grande passo avanti per la tecnologia pubblicitaria di Google. In precedenza, Google registrava l'accesso di un utente tramite un singolo cookie per ciascun dispositivo e in questo modo i dispositivi non potevano entrare in comunicazione tra di loro.

Dal 15 maggio 2017, questa funzionalità riceverà un ulteriore upgrade: chiunque utilizza i codici di remarketing di Google potrà utilizzare la nuova piattaforma di cross-device. Gli inserzionisti potranno mostrare i loro ads agli utenti che hanno già visitato il loro sito su differenti dispositivi - cosa che avviene già abitualmente con altre piattaforme, come Facebook.

La novità avrà significative conseguenze sul modo in cui gli inserzionisti dovranno immaginare le loro campagne ads, calibrando in modo differente e più articolato la frequenza delle loro inserzioni e anche la sequenza dei messaggi nelle loro campagne, prendendo in considerazione che gli ads appariranno su più dispositivi per volta.

Il consiglio è quindi quello di fermarsi a rileggere la nuova privacy policy di Google relativa alla raccolta dei dati per le campagne remarketing, per valutare come questi cambiamenti influenzeranno in futuro l'asta per le parole chiave, la targetizzazione dei dispositivi e la tipologia dei messaggi nelle loro campagne di Google Ads.

Per ulteriori informazioni sulle attività di Archibuzz e sul nostro servizio di SEO Marketing, non esistare a contattarci!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE